Fatacarabina

Fatacarabina

venerdì 20 novembre 2009

Altro che cerini

Qua l'anzyanità avanza e con essa, alcune prese d'atto, di quelle che ti garantiscono un invecchiamento senza disagi, se prima non arriva l'Alzheimer a sistemarmi per benino. Prendo atto che mangio meno, che i miei nipoti oramai sono più alti di me, che mi si sono rimpiccioliti i piedi, e che ogni tanto ho le mani lievemente rugose ( la faccia tiene, ma non so per quanto). E i capelli si fanno più incasinati che sembro la Minerva. Quella dei cerini.
No,mi sto accorgendo che non sono manco più capace di corteggiare, come reazione ottengo sbadigli e "Scusa cosa hai detto?". Io che ho messo in imbarazzo un uomo in una pizzeria fissandolo per due ore dal tavolo vicino, finchè lui non è arrivato alla fine al mio di tavolo, dicendomi: ok quando usciamo?
E' evidente, sto invecchiando. E il prossimo che mi dice che quando si fa una certa, di età, tutto è più bello e sereno e spensierato e vivi le cose con una maturità differente...sì, il prossimo lo incenerisco. Altro che cerini.

4 commenti:

sid ha detto...

ah! quindi basta guardare, non intenzionalmente, un uomo per due ore per beccarsi un invito? buono a sapersi! :)

secondo me te sei una come il vino, che migliora col tempo. io penso a me in questo modo. voglio dire, altro sicuro non posso fare! :D

simple ha detto...

siamo in due!
:)

vix ha detto...

oh, ma che oggi c'è un'onda temporale - nel senso del tempo, non della pioggia - eh? pur'io mi son ritrovato a sproloquiare sul tempo che passa. io, se ti consola, evito di guardare le donne troppo a lungo, anche quando meriterebbero, anche se non sono accompagnato. perché? perché temo, aihme, di ingenerare reazioni tipo "ma varda sto vecio bavoso" (corretto?)

guerreronegro ha detto...

Ecco chi è che mi fissava due giorni fa in pizzeria :-)

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale