Fatacarabina

Fatacarabina

mercoledì 10 marzo 2010

Nevento

Stanotte con Arturo abbiamo dormito come in cuccia, con tutte le coperte a formar un igloo caldo. Fuori il vento sibilava fortissimo, ha fatto volar via pure la miniserra e ora ho le piante grasse sotto uno strato di neve, perché poi all'alba è arrivata la neve. Mi ha svegliato l'estetista alle 7.40 con un sms: non verrai mica con questo tempo vero? Ho messo il naso fuori dall'igloo e sono andata alla finestra del bagno. Neve, non tanta, ma ancora quel vento gelido, fortissimo e sibilante. Ho risposto al sms, dicendo che me ne tornavo a letto. Poi alle nove ha chiamato mia madre. C'è la neve, mi ha detto. Già lo so, ho risposto, e me ne sono tornata a letto. Non prima di aver lanciato uno sguardo alle piante grasse congelate, senza più copertura di nylon, che è in entrata perché è volata via con tutti i ferri e i vicini mi hanno deposto l'ammasso che si è salvato sullo zerbino di casa.
Dentro l'igloo con Arturo si sta bene, potrei star qua per giorni. Se porto pure le piante grasse non si offende nessuno.

6 commenti:

peppermind ha detto...

Uff, la neve.
Ti capisco!

marlene ha detto...

che invidia..poter restar sotto le copertine! arfs!

claire ha detto...

anche le mie povere piante soffrono il vento, le guardo dalla finestra e le sento bisbigliare, cercano di farsi caldo una vicina all'altra! certo che l'arturo è una gran invenzione eh!

Baol ha detto...

Beh....però le piante grasse un po' di fastidio dovrebbero darlo nell'igloo

ha detto...

Se non ci fossero le madri a darci queste informazioni essenziali e tempestive.. come faremmo?

Eh.

simple ha detto...

I miei narcisi appena spuntati sono sotto la neve, i gatti sono nell'igloo mentre io corro da una riunione all'altra. I gatti (come Arturo) sì che ne sanno.

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale