Fatacarabina

Fatacarabina

sabato 6 ottobre 2012

Attraverso

Attraverso in greco si scrive dià; se ci metti vicino la parola logos (discorso),  viene fuori il dialogo.
Che è il confronto tra due o più persone dai sentimenti, dagli interessi, dalle convinzioni contrapposte.
Non è detto che si arrivi a capirsi, non c'è uno spazio per la ragione a priori, ma parlarsi in questa nostra civiltà è il modo migliore per tentare di farlo.
Di fare cosa? Capire l'altro, capire noi, e andare avanti.
Altrimenti ci toccherebbero solo monologhi e insomma ve la immaginate la scena, tutti che espongono da soli le loro opinioni, senza nessuno che li ascolti, controbatta, faccia notare che c'è un errore in quella costruzione mentale, tutti a monologare per i cavoli loro.
Che tristezza, vero?
A me piace molto quel dià, l'attraverso, è un moto a capire.
Non c'è amore, non c'è amicizia, non c'è gruppo, non c'è movimento, che non sia fatto di attraverso e discorsi.
Se c'è solo il logos ma manca l'attraverso, il moto a capire, dopo un poco ci si mette a fare monologhi, che è più comodo, sicuramente.





4 commenti:

L' Uomo Con La Valigia ha detto...

Mi piace tutto.
Cerco da sempre di dialogare, per sapere, conoscere, capire.
Alcuni fingono il dialogo per passare al monologo che non ammette interruzioni. Ma anche loro hanno diritto di farlo.
Rimane l'amarezza di aver fallito.

fatacarabina ha detto...

hei ciao! :)

Astrid Virili ha detto...

sempre con dia a me piace molto diaframma sia come muscolo sia come parte dell'apparecchio fotografico (e anche la diapositiva ormai démodé)

fatacarabina ha detto...

vero mi piace anche dia-framma :)

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale