Fatacarabina

Fatacarabina

lunedì 28 settembre 2009

Sport nazionale

Oggi in città c'è l'ampolla dell'Udi che tocca da mesi le città italiane per dire no alla violenza sulle donne. Ogni anno nella mia città, mediamente, 300 donne si rivolgono al centro antiviolenza per denunciare botte e percosse e violenze psicologiche subite dagli uomini. Sono solo la punta dell'iceberg, dicono gli esperti, perché molte donne e ragazze, italiane e straniere, continuano a subire in silenzio. Per paura.
Ieri nella mia città una donna è stata ammazzata a colpi di pistola dall'ex marito che non voleva esser lasciato. Lui poi si è suicidato.
Oh come siamo fortunate, noi che viviamo serene e senza paure, vero? Leggi sul giornale di queste tragedie e ti consoli: Io sono una donna libera, indipendente, non mi farò far del male da nessuno.
Siamo sicure?
Me lo chiedo perché basta parlare un pochino in giro, con la gente e nei SN, e ti accorgi, che no, mica va tutto bene. Avevo già scritto mesi fa di questo documentario, di come il nostro modo di vedere il corpo femminile sia stato modificato da una immagine di donna, che passa soprattutto attraverso la tv, che è completamente diversa dalla realtà. Mi è tornato in mente quel video, ieri, perché mi sto convincendo che anche questa è una forma di violenza, subdola, contro le donne.
Quando ho sentito apostrofare in un SN le figlie di Zapatero, nella foto con Obama ( non la linko, ve la cercate da soli) come "esteticamente svantaggiate", ho capito che il danno è fatto.
Parlare di quanto è bella o è brutta una donna è diventato una sorta di sport nazionale per gli italiani.
E persino due ragazzine adolescenti, che vestono con abiti neri sformati (mai stati dark?), con gli anfibi, come piace a loro, che fanno le facce buffe, che sono simili a tante che vedo in giro per la mia città, mescolate a bellezze che si atteggiano a donne vissute, con abiti copiati dalle riviste di moda, soprattutto nelle taglie mini, diventano oggetto di commenti senza appello. "Sono di una bruttezza demoniaca" o "Sono esteticamente svantaggiate". Qualcuno e qualcuna si incazzano, piccola consolazione.
Sento spessissimo discutere uomini e pure donne della necessità di un ritocco estetico, per questa o quella signora, che si vede in tv o che comunque è un personaggio pubblico. E gli stessi commenti finiscono con il riguardare amiche, conoscenti, vicine di casa, colleghe di lavoro. La bellezza, la perfezione dei corpi e dei volti, sono oggi una questione di stato. Nel senso che ne parlano tutti, nel senso che da quello si giudica spesso il valore di una donna.
E si finisce tutte davanti allo specchio e guardar le occhiaie e la cellulite sui fianchi, a pesarci con la mannaia, a flagellarci perché imperfette.
Io stamattina sono stata salutata dalla mia cellulite, ho la pancia gonfia e ho una borsa sotto l'occhio che dentro ci potrei mettere il minipc. Contenti?

Ecco, l'Italia sarà un paese migliore, anche quando lasceremo in pace il corpo delle donne.

ps:Non ci metto di mezzo pure la politica, perché certi paragoni sarebbero fin troppo facili.

8 commenti:

Sergio ha detto...

grazie

fatacarabina - remedios ha detto...

prego, sergio :)

mastrangelina ha detto...

Sei speciale, punto.

Niki1601 ha detto...

Condivido. Il danno è fatto e nulla mi toglie dalla testa che faccia parte della stessa strategia che vedo applicata in altri settori.
E sì, la butto in politica ;)

P.S. Quando cambi piattaforma blog= ;D

peppermind ha detto...

Mh, io penso sia sempre stata così.
I media hanno solo amplificato, ma da sempre la donna DEVE essere bella (i canoni variano, ma l'imperativo categorico rimane).
D'altro canto io vedo in tante mie amiche, dalle più consapevoli del proprio essere donna alle meno, l'incapacità quasi assoluta di "lasciarsi in pace", sempre a ricnorrere la propria immagine come cani da caccia.
NOn importa nemmeno che un uomo o più le deisderi, cosìcome sono: se il corpo non va benhe, non va bene.
Un assoluto platonico.

Caigo ha detto...

Chi è il peggior nemico della donna?
Un'altra donna.
Il lavoro di tante donne che si fanno "un mazzo così" per farsi apprezzare, rispettare e...perchè no, desiderare, viene continuamente messo a dura prova dalle "furbette" che per raggiungere i loro scopi sono disposte a tutto. Perchè, diciamolo, non tutte sono biecamante sfruttate, molte ci mettono del loro...
La cosa triste è che queste creano dei danni immensi che poi pagheranno le altre.
Inconsapevoli e incolpevoli.

peppermind ha detto...

(No, vabbe', il peggior nemico delle donne resta il maschio, secondo me)

Scritto in Grassetto ha detto...

L'elemento estetico è sempre stato un argomento usato per dare stoccate a tutti.
Nello sport ricordo un articolo dedicato a Stefy Graf, la tennista, che diceva "Brava ma brutta" ecco per dire.
Il giocatore della Juventus Giovinco è molto criticato perché non sta giocando bene e qualcuno lo imputa al fatto che è basso (cosa che nessuno notava quando invece giocava bene)
La Ferrari quando prese il pilota Ivan Capelli ebbe qualche remora perché portava gli occhiali!
Solo che Capelli correva in formula uno con discreti risultati già da diversi anni.
Il problema è che ci sono persone che esprimendo le loro opinioni risultano "mentalmente svantaggiate" per la stupidità di quello che dicono.
Grazie per questo post.

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale