Fatacarabina

Fatacarabina

mercoledì 1 giugno 2011

In fondo, voglio solo annusarti

Potrebbe essere un bell'inizio di un racconto, questa frase che sono alcuni giorni che mi ronza dentro la testa, perché è l'unica, onesta, spiegazione.
Secondo me c'è un momento incredibile, che ci  prende quando proviamo attrazione. Davanti ad un volto, una stretta di mano, un abbraccio fugace. Ad esser precisi sono solo volti, strette di mano, abbracci. Come tanti ne riceviamo tutti i giorni. Invece, no.
Alcuni sono come una scossa elettrica. Stai lì a ricordarteli e ti dici, da sola: "cavoli, ne vorrei ancora".
Mica lo sai se si ripeteranno, anzi visto che la sfiga, lo sai, ci vede benissimo, c'è un pezzo di cervello che te lo dice che sarà solo un attimo, passeggero e fugace.
E quindi cercare il bis è da idioti.
Ma in quell'attimo c'è anche l'altra parte di cervello che di tutto questo discorso se ne sbatte altamente e mentre te dici che non sta bene, lui è là con le braccia alzate al cielo come il giocatore di basket dopo l'assist perfetto, che si fa la ola da solo e sculetta pure, di soddisfazione e se ne esce con quel: "scusa, ho voglia di annusarti", la verità.
(chi scopre la citazione, è bravo)
Non credo ne servano altre di spiegazioni. Che è un attimo, tutto e niente, assieme.
 E' un grande punto interrogativo che può schiantarsi sulla prima porta a disposizione o sfrecciare in alto come un gabbiano che ha sentito l'odore di salso.
Peccato non si possa usare, quella frase nelle normali conversazioni con chi ci piace.
Pensateci bene: è francamente impensabile prepararsi a pronunciare una frase del genere e aspettarsi un "Wow, eccoti la spalla. Annusa quanto vuoi".
No, piuttosto il destinatario o la destinataria della preziosa richiesta rimarrebbe là, per un attimo interdetta, a chiedersi:"Ma se ho fatto la doccia due ore fa, puzzo?".
L'odore, specie quello dell'umanità, fa paura.
E sono convinta che ci sono donne che preferirebbero un pazzo sconosciuto che si presenta, manco invitato, con l'anello di fidanzamento nel taschino, piuttosto di un tipo che le fissa e le dice " ti va, se ti annuso un pochino?".
E ci sono uomini che sul telefonino comporrebbero subito il numero del 118, richiedendo un T.S.O. immediato di fronte ad una fanciulla che se ne esce con una simile profferta.
Io, se avessi davvero coraggio, lo direi "Posso annusarti per un poco?".
Una frase sola, sintesi ottimale del "ti  voglio scoprire e se ci piacciamo tanto, beh, ti posso far spazio sul lato sinistro del letto".
Poi, comunque, se sei sano, te lo devi anche ribadire che la scoperta prescinde dall'idea che ti sei fatto.
Perché, mettiamocelo in testa, quando ti piace qualcuno non credo sia importante quanto assomiglia all'immagine ideale dell'uomo o della donna perfetti che abbiamo in testa, e che, in quanto perfetti, non esistono, punto, ma piuttosto della loro capacità e curiosità di poter pensare che provare vale la pena.
E proprio, partendo dall'odore, le vedremmo quelle minuscole reazioni, che sono la base della chimica dei sentimenti.

3 commenti:

john ha detto...

bellissimo post, grazie

Stefania248 ha detto...

Questa frase la dice tutta.
Perché, mettiamocelo in testa, quando ti piace qualcuno non credo sia importante quanto assomiglia all'immagine ideale dell'uomo o della donna perfetti che abbiamo in testa, e che, in quanto perfetti, non esistono, punto, ma piuttosto della loro capacità e curiosità di poter pensare che provare vale la pena.
Bel post.
:)

Michiamomitia - fu fatacarabina ha detto...

grazie stefania :)

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale