Fatacarabina

Fatacarabina

venerdì 29 gennaio 2010

In tre righe - part two

Il racconto in tre frasi continua, con i contributi di nuovi amici:

Non scrivere dicevo a mio/ fratello, non sai fare./
Alla terza riga è morto. (Dilaudid)

Ti ho amata profondamente, ti ho amata perdutamente con ogni cellula del mio corpo, non passava minuto che non pensassi a te, non potevo vivere senza di te. Poi è arrivata la crisi economica, il crollo del mercato immobiliare, i cali di fatturato. Cazzo, trecento euro a botta non me li posso mica più permettere. (Sergio)


Re Shariyar, nonostante i suoi stessi propositi, aveva risparmiato la vita della bella Sherazade per novecentonovantanove notti di fila. / "Mia diletta" disse "tu raccontami ancora solo due storie e avrai salva la vita per sempre". / Ma a Sherazade, purtroppo, per terminare la propria di storia, era rimasta una frase soltanto. (Andrea 403)


Aveva una pelle freschissima e profumata. Aveva una siluhette perfetta con lei sarei andato in capo al mondo. Ma non potrò mai permettermi un Aston Martin. (ilfeeddidomi)

Ti ho amata profondamente, ti ho amata perdutamente con ogni cellula del mio corpo, non passava minuto che non pensassi a te, non potevo vivere senza di te. Poi è arrivata una più gnocca, più giovane e più soda di te. Com'è che ti chiamavi? (Sergio)

3 commenti:

sid ha detto...

SPQB*
:D

*cit. Asterix
Sono Pazzi Questi
Blogger

andrea 403 ha detto...

Grazie mille dell'ospitalità, Fata! :)
a.

Anonimo ha detto...

Andrea ti ospito quando vuoi :)
fata

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale