Fatacarabina

Fatacarabina

domenica 3 gennaio 2010

Il sonno dei giusti

Ok è solo un pupazzo di pezza, certo, con il pelo raso e il culone grosso, color bianco sporco, e la testa fina. Ma Arturo che grazie ai miei nipoti è entrato a casa mia, è diventato il mio compagno di sogni. Quando vado a letto, lui è già lì, bello caldo, sotto le coperte, lo prendo e lo uso come cuscino che il culone che ha è perfetto per la mia cervicale, le zampe che mi grattan la testa e io...io nel giro di 5 minuti prendo sonno. Ieri stavo malissimo e ho dormito praticamente dieci ore filate abbracciata a lui, ma fa poco testo. E' dal 25 dicembre che faccio delle nanne colossali con Arturo. Colossali perché piombo in un sonno profondo, senza risvegli notturni, senza scosse di adrenalina che ti fan sobbalzare credendo di precipitare da una scogliera. E i sogni arrivano tutti alla fine, in technicolor quasi sempre, e sono sogni che poi non riesco a raccontare, va che strano, la mattina dopo, da quanto sono intensi.
E' quasi imbarazzante il risveglio pensando a quanti soffrono di insonnia, si agitano per ore, non trovano mai la posizione. A me è bastato un orso di pezza per chietar i miei sonni. Il bello è che anche se ho le balle girate, magari, vado a letto e dimentico veramente tutto, appena lo tocco. E ho solo voglia di dormire e sognare. Il sonno dei giusti.

5 commenti:

Baol ha detto...

Beh...ma magari è imbottito di LSD...


:D

fatacarabina - remedios ha detto...

non ci avevo pensato....mumble mumble

Caigo ha detto...

'sto Arturo finiranno per venderlo in farmacia con obbligo di ricetta medica.

metropoleggendo ha detto...

me lo avessi detto anni fa, quando vagavo di notte, gli occhi sbarrati a cercare tregua al frullatore di pensieri...

vix ha detto...

arturoterapia? se funzica, so much the better.
buon anno di sogni!

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale