Fatacarabina

Fatacarabina

mercoledì 10 giugno 2009

Non sparate sul cronista

Posso piangere su un apostrofo mancato ma è capitato anche a me di cadere nel refuso, quello che non vedi neanche se rileggi ottanta volte.
E così un anno fa la manifestazione verde con poca gente in piazza è diventato un appuntamento "senza bagno di fallo".
Un chiaro attentato, involontario, al celodurismo.
E che faceva il paio con quello di un collega che raccontò, anni fa, l'allarme "per una figa tossica" nella zona industriale.

Se fanno una legge che punisce severamente i refusi, non posso neanche appellarmi al preterintenzionale. :)

7 commenti:

sid ha detto...

ho le lacrime agli occhi dalle risate.
si sappia.
AHAHAHAHAHAHAHHAHA!!!!

Caigo ha detto...

Macheccefreganonsiamomacchine. Questi errorini ci riconciliano con il buonumore.
Mi viene in mente una foto in prima pagina di un quotidano sportivo dove si vedeva spuntare il "batocchio" dai pantaloncini di un calciatore. Per quante mani sarà passate quella foto nella redazione del giornale prima di andare in stampa? Eppure nessuno s'accorse "dell'apparizione".
Oppure quella serie di magliette (non professionali) della juventus con scritto del pietro invece che del piero.

NikkoHell ha detto...

Mai come il mitico a me piace molto il cazzo della Clerici.
Number one.

NikkoHell ha detto...

che comunque quello della clerici non è un refuso ma un lapsus e vabbè, ho detto la mia vaccata della mezzanotte.

sid ha detto...

@nikko:
quella me l'ero persa! :)

Anonimo ha detto...

Una volta io ho indirizzato e spedito una lettera alla CAMERDA di commercio

silice

NikkoHell ha detto...

io in diretta l'ho vista!
su utube credo che si trovi.

ultimamente le parole da scrivere per postare mi fanno sganasciare dalle risa.

questo fa rettyl: un misto tra una lucertola e un medicinale a forma di supposta.

Creative Commons License
hotelushuaia is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.hotelushuaia.blogspot.com. Questo blog non è una testata giornalistica ma uno spazio di libera espressione del pensiero personale